Flow State come raggiungerlo in 5 semplici passi

come raggiungere il flow state

In alcuni momenti della nostra vita, quando siamo particolarmente assorbiti e concentrati su qualcosa, abbiamo la sensazione che il tempo rallenti e i nostri sensi siano più sviluppati, amplificati. Questo, è definito “Stato di Flusso”, o Flow State. Vediamo meglio a cosa serve e come raggiungere il Flow State.

A cosa serve lo Stato di Flow

Alcune persone definiscono questa sensazione come “l’essere nella zona” (to be in the zone). Scientificamente si chiama “ipofrontalità transitoria”; cioè uno stato in cui parte della corteccia prefrontale (PFC – PreFrontal Cortex), si disattiva temporaneamente.

Secondo questa “teoria del flusso creativo”, potresti sentirti in tutt’uno con il compito da svolgere, poiché l’azione e la consapevolezza si sincronizzano creando una forte spinta mentale e fisica senza però accusare alcuno sforzo.

È possibile raggiungere il Flow State? Assolutamente si ed è accessibile a prescindere dal tipo di compito o attività che stai svolgendo, l’importante è che sia particolarmente impegnativo per te.

Cosa si intende con la teoria del flusso creativo?

Lo Stato di Flow è stato teorizzato dagli psicologi positivi Mihaly Csikszentmihalyi e Jeanne Nakamura, secondo cui un’intensa concentrazione, porta ad un forte senso di estasi e di chiarezza. Il nostro cervello in questa fase, riceve un “feedback immediato” (Csikszentmihalyi al TED Talk 2004).

Lo studio effettuato da Csikszentmihalyi e Nakamura per arrivare a questa conclusione, prevedeva un’intervista ad un campione di persone con carriere all’apice, autorealizzate e con alte prestazioni sul lavoro o negli sport, come alpinisti, giocatori di scacchi, chirurghi e ballerini.

Gli intervistati hanno dichiarato una sensazione di felicità nel momento in cui sono entrati nel flusso, sperimentando un‘elevata focalizzazione e un aumento delle capacità creative e logiche. Durante questo stato, qualsiasi distrazione e sovraffollamento di pensieri scompare, lasciando spazio ad un’esperienza immersiva totale.

Secondo Csikszentmihalyi, il Flow State si raggiunge quando decidiamo di metterci alla prova dopo una fase di rilassamento, a cui segue una fase di massima concentrazione. Sempre secondo Csikszentmihalyi, la mente umana può elaborare fino a 120 bit di informazioni al secondo. Non appena entrati nello stato di flusso invece, la mente è in grado di raggiungere la piena capacità.

teoria del flusso creativo flow state

I vantaggi dello stato di Flow sul lavoro

Ecco i vantaggi che potranno ispirarti per raggiungere lo stato di flusso ogni qualvolta ne avrai bisogno:

  • Più concentrazione. Niente distrazioni significa rendimento maggiore sul lavoro e maggiore creatività nella risoluzione dei problemi (anche detto “pensiero laterale”)
  • Chiarezza. Entrando in Flow, avrai subito la consapevolezza di cosa va fatto per svolgere quell’attività, istintivamente.
  • Niente ostacoli. Quando si è in Flow, sei in grado di lasciar andare pensieri negativi, stress, preoccupazioni e ansia, acquisendo maggiore autostima e fiducia in te stesso.
  • Felicità. Durante lo stato di flusso, proverai un senso generale di benessere e un senso duraturo di felicità e appagamento.

Come andare in Flow

Per andare in Flow, devi in primo luogo iniziare con l’approccio giusto e dunque dovrai assicurarti:

  • Che tu sia l’unica persona ad occuparti di quell’attività;
  • Che questo compito non sia troppo facile o troppo difficile
  • Che sia un compito attinente alle tue capacità o al tuo ambito lavorativo;

Ricorda di focalizzarti sulla motivazione che ti porta a svolgere questo lavoro e sui passi da fare, piuttosto che sull’obiettivo finale.

Come recita un detto comune: “Quello che conta è il viaggio, non la destinazione”

Ecco come entrare in Flow in 5 passi:

  1. Fai qualcosa che ami. Può sembrare scontato, ma questo è effettivamente il modo più efficace per entrare in Flow. Svolgere un compito o un’attività che fa parte delle tue passioni o rientra tra i tuoi interessi, è già di per sé una forte motivazione, che ti offre la possibilità di cimentarti con qualcosa di impegnativo, ma fattibile, che ti aiuti anche a migliorare le tue capacità.
  2. Inizia con un rituale. Parti con una serie di azioni da eseguire ogni volta che stai per iniziare il tuo compito, creando una pratica rituale che prepari la tua mente ad immergerti in una data attività. Prova con qualche minuto di meditazione, una passeggiata, una doccia rilassante o una tisana. L’Integratore in Tisana AYU è dolce rituale quotidiano, realizzato con erbe adattogene, che ti aiuta a migliorare la concentrazione e a ridurre gli stati di affaticamento e stress, aumentando le tue performance.
  3. Crea una lista di priorità ed inizia con la più importante. E’ più semplice raggiungere lo State Flow concentrandosi su un compito alla volta, per poter utilizzare a pieno ogni parte del nostro cervello. Per tale motivo, una strategia multitasking distoglierebbe la tua attenzione, portando distrazioni che impedirebbero lo stato di flusso.
  4. Identifica i tuoi momenti di picco creativo e produttivo. Ci sono momenti in cui la tua mente funziona più naturalmente e a pieno ritmo. Per alcuni è al mattino, dopo una lunga notte di riposo, per altre invece può essere nel tardo pomeriggio. Cerca di concentrare la tua attenzione in uno di questi periodi, per incentivare più velocemente il tuo Flow.
  5. Elimina le distrazioni. Lavora al tuo compito in ambiente tranquillo con distrazioni minime intorno a te. Evita l’utilizzo del telefono in questi momenti, meglio ancora se lo tieni spento o in “modalità aereo”.

Flow State meditazione attiva e in movimento

Conclusioni

Non ti preoccupare se non riesci immediatamente a raggiungere il Flow State: imparando man mano a filtrare le distrazioni, la tua mente sarà più propensa ad immergersi in attività impegnative, o che richiedono comunque molta concentrazione. Pratiche rituali come la meditazione incoraggiano ad essere più attivi e presenti, creando uno stato mentale privo di distrazioni ed emozioni negative. Di fatto, il Flow State è una meditazione attiva e in movimento.

Noi ti consigliamo di praticarla per almeno 5-10 minuti al giorno, per liberare la mente e sciogliere ogni tensione iniziale. Inoltre, dopo lo stato di Flow, prova alcuni rimedi naturali, come il nostro Integratore AYU con erbe adattogene in capsule, consigliato nei periodi di medio affaticamento mentale e fisico. Questo integratore naturale, contiene Ashwagandha, una pianta adattogena particolarmente indicata per ridurre gli stati d’ansia e la stanchezza, e recuperare sonni sereni e ricostituenti.

Giorgia

Giorgia

Giorgia è coach del benessere olistico e della nutrizione integrativa, insegnante di yoga ed esperta di nutrizione ayurvedica, nonché co-fondatrice di Ayu Natural

Lascia un commento

Articoli Recenti

Ciao, sono Giorgia

Per molti anni prima di creare Ayu ho lavorato in aziende molto grandi e stressanti.  Durante uno dei mie viaggi in India conobbi le piante adattogene, lì ampiamente diffuse da millenni perchè alla base della medicina ayurvedica.
È da li che ho iniziato la loro assunzione, prima fra tutte il Basilico Santo o TULSI noto per le sue proprietà sananti. Scopri di più sulla mia storia e i perchè della linea di integratori Ayu.

Ayu Sui Social

Il Nostro Shop:

Visualizzazione di 4 risultati

Parla con Ayu

UN REGALO PER TE

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RICEVI GRATIS IL CORSO Re-New

Noi di Ayu abbiamo deciso di regalarti questo corso perchè tu possa risplendere. Perchè tutti abbiamo bisogno della migliore versione di noi stessi